La Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore nasce per volontà dell’Unesco nel 1996. L’ obiettivo è promuovere la lettura, la pubblicazione dei libri e la tutela del copyright.

Perché proprio il 23 aprile? E’ stata scelta questa data perché, nel 1616, morirono a poche ore di distanza l’uno dall’altro tre scrittori, pilastri della cultura universale: William Shakespeare, Miguel de Cervantes e Garciloso de la Vega.

UNESCO, Commissione Nazionale Italiana. La C.N.I. dell’Unesco ha stilato un elenco di storie ambientate nelle 20 regioni italiane scegliendo due libri allo scopo di connettere la narrativa al territorio e stimolare, ulteriormente, l’interesse dei lettori. Inoltre, visitando la pagina Facebook della C.N.I., gli utenti hanno la possibilità di aggiungere i propri libri preferiti per ampliare l’elenco stilato dalla Commissione.

Rose di Catalogna. Il 23 aprile, in Catalogna, la celebrazione del libro è accompagnata dal profumo delle rose. Narra la leggenda che quando San Giorgio uccise il drago, dal suo sangue nacque una rosa. Giorno di San Giorgio è il 23 aprile e consolidata è l’usanza di scambiarsi libri e rose tra amici e innamorati.

 

 

Share: