Limbo

Tanto si urla
poco si parla
in questo caotico spazio d’esistenze

che voci silenzia e bocche cuce

Tanto si urla
poco si pensa
in questo marasma auto-riflettente

patria d’egoismi e gratuite violenze

Tanto si urla
poco si crea
in questo affollato non luogo

colonia d’identità costruite
limbo d’anime perdute

————————————————

Foto: “Landscape”, acrilico su carta.

Attieniti al piano

Largamente stare
e più ancora sopravvivere
nel ristretto libero vicolo
con l’illusione di
con il pensiero di

!Nessun re, nessun sovrano!

Dà un’occhiata
prendi l’arma
esplodi nello sdegno

//Attieniti al piano
asseconda la marcia
attieniti al piano
suona la marcia//

Nel ristretto libero vicolo
le foglie sono larghe e gli
steli alti, la rosa spina
t’assopirà al tocco

//Attieniti al piano
asseconda la marcia
attieniti al piano
suona la marcia//

Un gioco di specchi
dove il riflesso è ombra
pensata, costruita, diluita

In frantumi, il vetro acquista
consistenza,
verità

———————————

Immagine: “JN3” (digitale)

Sottacqua

Sagome sulle sponde

Lungo il bordo
il candore spumoso

Ombre tra le ombre
l’oscurità odono
e il vociare dei flutti

Chiedono ascolto
e umanità

Nella comune indifferenza,
arde la pelle e salino
si fa lo sguardo

Nella dolosa e apicale indifferenza,
la schiena è contratta e la mano
stirata

Quali figli, quali fratelli

Chi un tempo amico e parente
è oggi numero per civici sommersi

Date le coordinate a chi vorrà donare un fiore
Segnate le mappe con i nomi degli scomparsi
Il cimitero più affollato al mondo è un mare chiuso
avido e insaziabile.

Sagome sul fondale.

———————————

Immagine: “Under the sea” [acrilici su carta, 21×29] 

Teneramente

Il rotolare del ciottolame
lo scrosciare dei passi
a occhi chiusi e visi sospesi

sono voce mielata, burro caldo
su toast fragranti

Teneramente

Una foglia tra i palmi,
una coda che batte

sono cuore colmo e
spalle a farfalla

Teneramente

Una luce soffusa,
l’azzurro marino
il controcanto celeste

sono respiro profondo e
vivi sorrisi

Teneramente

—————————-

Immagine: Jazz-Night 5 (digital painting) – ItyArt
Per raggiungere il mood adatto alla lettura, si consiglia di ascoltare Ella Fitzgerald e Louis Armstrong.

Notturno

Dai boschi, quando cala la notte,
i rossi e i verdi incantano i viandanti.

I solchi nel fango sono ora le ombre
dei morti.

Cosa faranno della loro preziosa compagnia,
le ombre, i passi…?

Quando cala la notte, nei boschi,
i rossi e i verdi intonano legami
profondi, tentano le fedi.

Sullo sfondo, puoi sentirli ridere.
Nel profondo, riconosci la loro attesa.

Prendi la mano, allora, e cammina sotto
le luci brillanti, inoltrati nei verdi,
carezza i rossi.

Siamo i solchi che accompagnano le
anime perdute.

————————————

Immagine: “Lucciola” (acrilici su carta assorbente, formato A4)

Dong

Quando la transizione diventa
Campana
fioriscono. Le spose
sono vergini fiorite,
tutte, a
Maggio. Senza
dubbio, la notte
nel candore. Le spose,
le campane, i codici morse. I codici.

Le Moire sono spose fiorite e
Campane. Il dong è un
gancio rovesciato, molletta, ricciolo.
Tanti. Rovesciati. Lo cantano
nell’Eco. Per la luce,
per il suono, oltre la collina.
Urlarlo, urlalo, urlarlo,
Urlalo.
All’eco, oltre la collina.

 

Immagine: “Volto” – acrilici su carta
Testo: da “Ity

Foglie-ItyArt-IlaryTiralongo

Foglie

Foglie sole, in bilico
raggruppate, in bilico.

Germogli, in bilico
sempreverdi, in bilico
caduche, in bilico.

Foglie e comunque foglie
aspiranti il volteggio in brezza,
il candido bacio,
il caldo guanto.

E pur sempre foglie
in bilico, in caduta
tra una prescrizione e un’ammonizione.

E comunque foglie,
cadenti, cadute
tra ritardi, errori colposi e dolosi.

E pur sempre foglie,
alla mercé del vento,
del dolo della volontà altra.

E in ogni caso
foglie
resilienti, resistenti
al richiamo del falcidiante abisso.
——————————————————————

Immagine: Leaves
Acrilici su carta
Formato:21 x 30