Aprilcoat - olio e acrilico su tela - ityart

Ai tavoli

L’uomo al microfono ha cappa
e coltello. Il colletto è
piegato, bianco-umido.

Ritto, declama ordini e menzogne.

Al tavolo, una donna ordina
una sfera e un calice di vino.

E il suo cappotto è un mondo
e il suo mondo è un castello di carte
e le carte scivolano via all’incedere del vento.

Un merlo appollaiato, fischia.
“Il merlo è un corvo.”

Il corvo multicolor,
si abbina al
lombrico dal colmo ventre.

Appollaiato, canta e mente.
“La scorsa notte ero un’anima
immortale.”

La scorsa notte era un
portone chiuso.

La scorsa notte, era.

—————————————-

Dipinto: AprilCoat

Olio e acrilico su tela
4 x 80 x 60 cm
Avola,  2015

Inside_ItyArt

La deriva della forma

Alla deriva della forma

cumulonembi in lotta,

nell’ombra la lacrima rimbalza sul tuono

 né più né meno che gocce

Nell’ombra le tracce della richiesta

vorrài, non vorrò

sarai, non sarò

Intimidisce il segno della resurrezione

una forma tra le fiamme

il dolore dell’ombra arriva dalla macchia

chiedi a chi vorrà, non vorrò

I santi marchiano a fuoco

il dolore è lo stigma dell’onta

nel peccato, la cenere é l’ombra

Immagine: Inside, ityart

20200909_090241

Come è la terra, così è il cielo

Come è la terra, così è il cielo
In fiamme
Nell’oro rosso del pianto

Come è la terra, così è il cielo
Un’aspirazione volatile
Un salto nel buio

Come è la terra, così è il cielo
Come un balzo, di casella in casella
E il rischio di…

Come è la terra, così è il cielo
Inciampare al bordo,
Distanti la pietra, il piede e il balzo

Come è la terra, così è il cielo
In mutamento, terribile e costante

Così è il cielo, come la terra
non ci appartiene.

Immagine: Il gioco del mondo

incendi-ityart-ilary tiralongo

Rosso e blu

Foto: “Fires”, acrilico su carta

 

La notte che non è notte, avanza.

Voci. Porte.

S’aprono e chiudono. Porte.

Silenzio. Chiudi le tende.

La notte che non è notte, avanza.

Urla. Porte.

S’aprono e chiudono. Porte.

E ancora.

E ancora.

E ancora.

E ancora.

E ancora.

Il cielo non ti appartiene.

E ancora.

Il baluginare delle stelle. Non vedi.

E ancora.

Gli stormi passano lontani.

Gli stormi, i tramonti, le nuvole, il respiro.

E ancora.

Serri le grate.

E ancora.

Serri il pensiero.

Muori da vivo.

E ancora.

Vivi da morto.

E ancora.

E ancora.

E ancora.

E ancora.

E ancora.

Il respiro che non è respiro, svanisce.


Notizie:

SiracusaNews
LiveUniCT