Ocra e blu-dipinto-Ilary Tiralongo-ityart

Ocra e blu

Pezzi di luce riflessa
osservi e osservano,
ondeggiano ai 4 cardinali.
Piume altre alternano il bip al clack.

Una creatura astratta, venerante e
divoratrice incede oscillando.

Ocra e blu.
Tra terra e cielo è l’odore di pioggia,
del salino sciabordio.

Ocra e blu.

Soltanto
ocra e blu.

————————————

Immagine: Ocra e blu
Acrilici su carta

Portrait in the Room, Available

Il lungo sonno

Camminare nel buio

reiterare il lungo sonno

senza maschera la visione svanisce

//  seppellire il respiro svanendo e sbiadendo //

 

Perché non oltrepassare la soglia?

// Sangue nel sangue. //

 

Prendi la mano e vivi

– vivi ancora e non sarai dimenticato –

cammina tra loro, cammina tra noi

// ottieni un punteggio. //

 

Non puoi essere dimenticato – // Non vuoi essere dimenticato //

Camminano sotto raggio – // Cammini sotto raggio //

Nascondendosi nel buio – // Nascondendoti nel buio //

Tutti – // Tu //

 

Camminano nel buio – tutti

respirano il lungo sonno – tutti

 

Volte acute su cieli aperti – // parole vuote indicano l’abisso //

rinominare la terribile angustia

// sangue nel sangue //

 

E poi glaciale e sbiadito – // a tentoni nel buio //

non morirai

// sangue nel sangue //

al buio

// respirare il lungo sonno //

sangue nel sangue.

————————————————-

Dipinto: Ritratto (non disponibile)
Olio e acrilici su tela

Carnival-acrilico su carta-ityart.com

L’acrobata

I.

Una girandola sull’asse verticale,
allarga le estremità superiori e alza il capo,
il sole la riscalda, il cielo un mare abbagliante.

Una pioggia di colori e suoni invadono i suoi sensi,
frenesia e concitati respiri, putti in ascesa e
coriandoli febbrili.

Un esercizio aereo,
una pioggia dorata.

Il corpo come spire, lo spirito una nuvola.

II.

Una nuvola cammina su pezzi di vetro.
Dicono sia fatta di piume.
Dicono il suo fulcro sia una gabbia e
che lì abbia la sua ispirazione.

La gabbia è fatta di acciaio,
contiene un ramo.

III.

Un ramo dimora in una gabbia d’acciaio
ed è secco.

IV.

La girandola sull’asse verticale,
allarga le estremità superiori e alza il capo,
il sole la riscalda, il cielo un mare abbagliante.

Vortica la girandola
e il suo momento è una costante.

V.

Una girandola vortica sull’asse verticale,
il sole la riscalda, il cielo è un mare abbagliante.

VI.

Una girandola
allarga le estremità superiori, alza il capo,
respira.

———————-

Dipinto: Carnival
Acrilici su carta, 21×29,7

Profile_ItyArt_

Let them be

Immagine: Profilo, ityart

Lasciate che seguano la
loro via,
che le stelle
fluttuino come fiocchi.

Let them flow
their own way
let the stars
float as flakes.

Lasciate che parlino,
danzino, urlino,
creino il flusso.
Il loro.

Lasciate che siano.

Let them speak,
dance and scream,
Let them make a flow.
Their own one.

Let them be.

 

ItyArt_chanson_nocturne

Chanson Nocturne – Video Clip

Crediamo fortemente nella capacità di rinnovarsi e dar vita a prodotti

nuovi in grado di creare empatia con gli individui, un collegamento

capace di suscitare interesse ed emozioni.

A tale scopo, prendendo spunto da alcune righe poetiche nate un po’ di

tempo fa su Goylì Goylà, Chanson Nocturne ha mutato pelle, divenendo

clip video.

 

Sperando possa incontrare il vostro gusto… ecco a voi

Chanson Nocturne.

cropped-ityart-madonna-delle-macerie-750x582

Su macerie e bagliori

Pensavo alla candida perfezione di un fiocco invernale, regolare e fedele a se stesso.
Pensavo alla candida, democratica accettazione esistente tra i fiocchi.
Diversi, tutti, l’un dall’altro
egualmente scivolano tra le distanti nubi e i freddi cieli.

E ricordano le perle, generate da morbidi architetti intrappolati in dimore sabbiose. Nate da
scorie, scarto /come fango/ modellate in circolare candore.

E ricordano le saline produzioni oculari, come quando il pungente chiarore s’insinua tra le sclere
o l’intirizzente blu blocca le articolazioni.

Costringendo l’occlusione. Oculare quanto gestuale.

Pensavo a quante differenti, imperfette, perfezioni esistano e a quante macerie, scarti e scorie le circondino.
Pensavo alla luminosità dei fiocchi, delle perle, degli sguardi dopo le tempeste, dopo i geli, dopo le chiusure.
Pensavo a quanto richiamino la maestosità dei cieli, la delicata danza dei venti, l’immensa profondità degli abissi.

E così ho rammentato perché fiocchi, perle e lacrime ricordano l’imperfetta
meraviglia che suscitano il vivere e i viventi, tutti.
Nonostante le scorie, nonostante le macerie.

________________________________________________________________________________
Foto: Madonna delle macerie